verso la gheisa d'la tanaAngrogna:
Passeggiata storica

Con scarponcini da trekking

In auto fino ad Angrogna capoluogo. Dislivello 150 m. Tempo di durata: 2 ore. Stagione preferita: Autunno, primavera, estate.

È la classica, tranquilla, istruttiva passeggiata che, tra i boschi e le borgate di Angrogna, e oltretutto consente di fare un ripasso di storia e vita valdese. Non può mancare nell'agenda di una visita alle valli.

Tra i suoi pregi c'è anche il vantaggio che può essere fatta piacevolmente in ogni stagione. Altro aspetto positivo è l'itinerario ad anello che vi riporterà alla vostra automobile lasciata sul piazzale del capoluogo.

Se durante la passeggiata noterete delle frecce con su scritto «ecomuseo della resistenza», non seguitele. Potreste vagare per ore sui sentieri della valle senza arrivare da nessuna parte, o al peggio, perdervi tra i boschi. In realtà collegano dei luoghi dove, come al Bagnou, sono successi fatti significativi durante la resistenza, ma senza un'adeguata informazione restano delle simpatiche freccette.

Dal capoluogo di Angrogna, iniziate la salita dietro la fontana e la caratteristica «pera dei debi» , una pietra su cui, in epoche lontane, veniva sbattuto il povero debitore insolvente.

Dopo aver attraversato alcune case sparse, all'interno di un tornante, imboccate a sinistra la deviazione per Carlevà.

Se invece sbagliate e proseguite a destra giungerete alla borgata Vernè, distante 300 metri dall'itinerario classico, uno dei quartieri generali di Giosuè Gianavello. Sempre al Vernè la Pensione Bertin, attualmente trasformata in Residence, ospitò, nel periodo tra le due guerre, la principessa Mafalda di Savoia.

Ma dopo questa breve digressione vi consigliamo di tornare all'itinerario classico. Attraverso una gradevolissima passeggiata sotto un curato bosco di castagni, potrete vedere come i VALDESI pregassero nascosti in una grotta mentre tenevano tranquillamente i loro sinodi sui prati. Potrete ammirare tre «scuolette Beckwith» perfettamente conservate: una chiusa (Prassuit-Vernè), una normalmente visitabile (Odin) e la terza adibita a Museo della Donna (Serre).

Attrattiva di gran peso è una fessura tra alcuni giganteschi massi, una frana forse, detta «ghieisa d'la tana» (o più pudicamente solo «la tana»). La storiografia valdese vuole che tale anfratto fosse utilizzato, non si sa bene in che periodo, dai VALDESI per celebrare i loro culti in clandestinità. Non è chiaro se ciò corrisponda a verità o se si tratti solo di una leggenda con forti basi storiche. Sta di fatto che anche noi siamo andati a visitare questa grotta scendendo per la ripida frana, solo da pochi anni risistemata. All'ingresso, una lapide ci ricorda che lo stesso Edmondo De Amicis, dopo averci commosso con Cuore , aveva voluto visitare questo simbolo.

Qualsiasi cosa pensiate, vi invitiamo ad entrare per lo stretto pertugio, attenti a non sbattere la testa. Non preoccupatevi, l'ambiente si allarga presto e gli occhi si abitueranno subito all'oscurità.

Delle tre scuolette Beckwith situate lungo il percorso è probabile che riusciate a visitare quella degli Odin, una delle meglio conservate. L'Ottocento fu un secolo caratterizzato da viaggiatori e viaggiatrici inglesi e le valli non poterono sottrarsi a tali movimenti, non fosse altro che per l'affinità derivante dalla comune fede riformata di inglesi e VALDESI.

Uno di questi viaggiatori lasciò decisamente il segno: il comandante Charles Beckwith aveva perso una gamba, (a causa di una palla di cannone e non per distrazione) sulle navi dell'ammiraglio Nelson. Nonostante avesse un arto di legno, attualmente conservato al Museo valdese di Torre Pellice, aveva intrapreso la carriera di viaggiatore inglese dell'Ottocento.

La conoscenza delle condizioni di vita dei VALDESI del ghetto stimolarono la sua compassione. Da quel momento Beckwith dedicò la sua vita ad aiutarli. In primo luogo si adoperò per migliorare le loro condizioni culturali attraverso un'opera di diffusione capillare della cultura. Fece costruire, in ogni borgata delle valli, un piccolo ma completo edificio scolastico: la scuoletta Beckwith, e alla fine dell'Ottocento si contavano oltre 100 scuolette in tutte le valli. Parallelamente, col contributo di Gilly, un altro viaggiatore inglese, contribuì alla costruzione del collegio di Torre Pellice. Infine è al suo buon gusto architettonico (?) che si devono alcuni templi VALDESI edificati alla fine dell'Ottocento.

Tornati fuori della scuoletta, attenti a non sbattere la testa alla trave della porticina, la passeggiata storica prosegue con la visita al prato dove si svolse il sinodo più famoso della chiesa valdese: quello in cui fu decisa l'adesione alla Riforma protestante. Il luogo si chiama Chanforan, riconoscibile per una sorta di menhir infisso su un basamento di pietra. In questa parte della passeggiata bisogna avere ben chiara la portata storico/teologica degli avvenimenti perché il luogo non ha un'attrattiva particolare.

Superato questo momento di forte emozione storica si scende sul bel borgo del Serre caratterizzato da un discreto tempio valdese con campanile. Esattamente alle spalle del tempio, all'interno di una scuoletta, è sistemato il Museo della Donna. Se doveste trovarlo chiuso potete chiederne la chiave agli abitanti del borgo.

Il rientro dal Serre al capoluogo è reso piacevole da una leggera discesa.

Casa vacanze in montagna

Chalet lampone

 

chalet lampone
chalet lampone
chalet lampone
chalet lampone
chalet lampone
chalet lampone
chalet lampone

 

Tra ribes e lamponi, a 900 mt di altitudine.

Casetta indipendente su due piani collegati da una scala da mugnaio interna.

Caminetto, riscaldamento autonomo con termosifoni.

Due camere comunicanti attraverso il vano scala.

Cucina con forno, frigo con freezer.

Bagno con doccia. Posti letto da 2 a 4.

Prato indipendente con vista sulla valle.

Appartamento Mirtillo

 

apaprtamento mirtillo
apaprtamento mirtillo
apaprtamento mirtillo
apaprtamento mirtillo
apaprtamento mirtillo
apaprtamento mirtillo

Appartamento indipendente recentemente ristrutturato al secondo piano di una antica pensione.

Due balconi con vista sulle montagne.

Riscaldamento centralizzato con termosifoni.

Cucina senza forno, frigo.

Bagno con doccia.

Posti letto da 2 a 5.

Prezzi 2017

fino al 1 luglio
posti letto
7 notti
14 notti
Mirtillo - trilocale
max 5
350,00
650,00
Lampone - Chalet
max 4
400,00
750,00

1 luglio - 2 settembre
posti letto
7 notti
14 notti
Mirtillo - trilocale
max 5
380,00
690,00
Lampone - Chalet
max 4
450,00
800,00

BASSA STAGIONE
posti letto
7 notti
14 notti
Mirtillo - trilocale
max 5
300,00
550,00
Lampone - Chalet
max 4
350,00
650,00

Prezzi degli altri servizi e condizioni generali

Asciugamani a persona con cambio settimanale, (a richiesta) Euro 6,00

Lenzuola a persona con cambio settimanale, (a richiesta) Euro 6,00

Supplemento giornaliero per riscaldamento Euro 15,00

Quota fissa per pulizia finale Euro 30,00

Soggiorno minimo 7 notti. Arrivi e partenze il sabato.

Non si accettano animali domestici

 

Prenotazioni

Per prenotare un soggiorno è necessario verificare la disponibilità di alloggi telefonando al 338 3137459 o inviando una e-mail (contatti@vallivaldesi.it) di richiesta specificando nome cognome e indirizzo del richiedente, l'alloggio prescelto, il periodo e il numero di persone.

Se l'alloggio risulterà disponibile vi verrà richiesto di compilare un modulo di prenotazione e di versare una caparra confirmatoria pari al 30% del costo del soggiorno.

Il saldo del pagamento deve avvenire alla consegna delle chiavi. Poichè non si dispone di POS per pagamento bancomat o con carta di credito, si accettano pagamenti in contanti o con assegno. In alternativa si può effettuare il saldo con bonifico bancario prima dell'arrivo.

In caso di rinuncia e per quanto non espressamente riportato nelle condizioni di contratto valgono le vigenti disposizioni di legge.

 

PRENOTA

 

Versa l'acconto del 30% con il pagamento sicuro di paypal

 

acconto 30%

 

Attrezzature e servizi

wifi

accesso indipendente
parcheggio
letti singoli o matrimoniali
lettini e seggioloni per bambini piccoli (a richiesta)
guanciali, coperte e piumoni anallergici
biancheria da letto (con supplemento a richiesta)
biancheria da bagno (con supplemento a richiesta)
(non si fornisce biancheria da cucina)
piano cottura con quattro fornelli a gas
piatti, posate, pentole e accessori da cucina
frigorifero
uso di lavanderia
uso del barbecue

Passeggiate nelle Valli Valdesi

Le

Valli Valdesi

sono in provincia di Torino, immediatamente ad ovest della città al centro delle manifestazioni olimpiche del 2006.

Il

comune di Angrogna

, la cui valle diparte lateralmente dalla Val Pellice, prende nome dall’omonimo torrente ed è costituita da territorio montano per la gran parte integro, dal rilevante valore ecologico.

Nella

borgata del Vernè

, nella struttura che fu una pensione di montagna costruita nel 1915, recentemente ristrutturata, sono stati ricavati un comodo alloggio indipendente e una baita/chalet con prato.

La casa del Vernè

è l'ideale per trascorrere una vacanza tranquilla in una montagna non deturpata dal turismo di massa, dedicarsi al trekking e alle passeggiate o alla scoperta dei luoghi storici delle valli valdesi.

 

|
|
|
|
|
|
|
|

 

© 2017 Web & Com ™ P. IVA 10208070010 | PRIVACY E COOKIES

 

Chalet Italien Chalet Italien und Ferienwohnungen von urlaubimferienhaus.net günstig mieten Tourist-Paradise.com Chalet Piemont und Ferienwohnungen Nordsee von privat mieten Chalet Piemont und Ferienwohnung Ostsee von privat mieten